Uno spirito Afroitaliano di Bellamy Heart Ug

Ciao a tutti!

Mi chiamo Bellamy e sono “natural” da quasi 8 anni. Ho deciso di interrompere la stiratura chimica perché i miei capelli erano in uno stato disastroso ed occorreva un intervento d’urto. All’epoca non conoscevo, né vedevo in giro nessuno che fosse nappy, ma spronata dall’esempio delle Youtubers americane, mi sono lanciata in questo viaggio meraviglioso che mi ha portato alla conoscenza dei miei capelli, ma soprattutto di me stessa.

Per i primi due anni ho nascosto i miei capelli con extension, trecce e quant’altro, non ero pronta a mostrarli perché non riuscivo ad ottenere i ricci definiti delle guru che seguivo online; posso dire che essere natural fosse una scelta di necessità e non di piacere.

Un giorno qualcosa è scattato dentro di me. Ho pensato:

<<Basta! Devo accettarmi al 100% per volermi bene veramente; non posso aspettarmi che gli altri mi amino e mi apprezzino, se non sono in grado di farlo io stessa>>.

Quell’estate mi sono rasata quasi tutti i capelli, avevo lasciato intatta solamente la parte anteriore della testa (era un taglio di tendenza). Con mia sorpresa, da quel momento il timore svanì e i miei capelli poterono finalmente vedere la luce del sole.

Ammetto, però, che non è stato semplice perché ovunque andassi ricevevo occhiatacce, soprattutto da altre ragazze e donne africane. Sembrava pensassero:

<< Guarda quella! E’ matta ad uscire di casa così? Non può permettersi di comprare il “relax”?>>.

Col tempo ci ho fatto l’abitudine. Mi dicevo che se dovevo essere io, almeno nella mia zona, la pioniera di questo movimento, a convincere che non bisogna assecondare i canoni di bellezza imposti dalla società per essere considerate attraenti, avrei accettato la sfida. Amici, fidanzato e parenti hanno accolto con grande entusiasmo la mia scelta e anzi, tutt’ora, mi preferiscono in versione “nature”. Oggi ho acquisito la consapevolezza che mi mancava e ammetto di sentirmi più “donna” quando sfoggio i miei ricci, anche le volte che sembrano indomabili.

L’inizio del “natural journey” ha coinciso con il periodo in cui ho affrontato la cosiddetta “crisi di identità culturale”, non sapevo più chi fossi: italiana, africana, un mix di entrambi? Ecco che trovare il coraggio di mostrarmi al naturale, rinunciando a filtri di qualsiasi tipo, mi ha aiutato a prendere coscienza della mia persona e delle mie origini. Ora mi piace definirmi afro-italiana e, a tal proposito, gestisco un magazine online www.afroitaliansouls.it nel quale, assieme alla cofondatrice Grazia, mi dedico a far conoscere la realtà dei ragazzi nati e cresciuti in Italia da genitori africani come me e , in generale, degli africani in Italia.

Credo sia importante colmare il vuoto mediatico della rappresentanza delle seconde generazioni e soprattutto che altri giovani afro-italiani abbiano degli esempi positivi di persone simili a loro, in modo che non ignorino o, peggio ancora, rinneghino il loro essere anche africani, come spesso succede.

Facebook | Instagram | Twitter – Afroitalian souls

afroit logo

 

Evelyne Sarah Afaawua

Imprenditrice, Web Influencer & Hair Coach. Sono ossessionata dai miei capelli. Facebook dipendente da gennaio 2014. Fondatrice di Nappytalia, la prima community in italiano sulla cura del riccio-afro, attualmente una start up di import e rivendita di prodotti naturali per i nostri capelli.

Evelyne Sarah Afaawua Google Plus

Lascia un commento