THE NEW NEGRO 1900 – 1920

“Forse il termine negro non piace a molti mi scuso se qualcuno si potrebbe sentire offeso, ma queste e’ la traduzione nel libro e vorrei rimanervi fedele per enfatizzare maggiormente il concetto. Inoltre vedo una forte similitudine con quello che sta attualmente succedendo in Italia, da parte di seconde generazioni, afroitaliani…”

L’anno 1900 incise come un nuovo capitolo nella storia nelle vite dei neri in America. Finalmente erano tutti liberi, le catene della schiavitu’ erano state spezzate, avrebbero potuto fare tutto cio’ che volevano, eppure non si sentivano cosi’ liberi perche’ avevano cucita addosso un’immagine che sarebbe stata  difficile da sradicare.

Era tempo di promesse e progresso, ma soprattutto di riconfigurazione di molte idee e di un immagine deturpata da secoli. I neri iniziarono a dare forma ad una nuova identità collettiva e l’apparenza contava piu’ di tutto, inizio’ un lavaggio di cervello collettivo se possiamo definirlo cosi’, per integrarsi nella societa’, per inserirsi tra le persone “comuni e normali”. La prima cosa che i neri dovettero fare, fu quella di far sentire a priorio agio i bianchi in loro presenza, perché’ nelle menti di molti, l’immagine di un nero equivaleva  ad un uomo selvaggio, ignorante, incivile, sporco ma soprattutto meno umano di loro.

Per gli Americani faceva poca differenza se una persona con vivi tratti Africani come capelli ricci, largo naso e labbra carnose avesse studiato, l’essere nero lo classificava come ignorante e selvaggio, quindi i Neri iniziarono ad emulare con abbigliamento, acconciature di capelli e modi di fare il più possibile lo standard di bellezza Europeo.

Nuovo look Europeizzato per le New Negro Women

Il loro aspetto era un biglietto da visita per mettere a proprio agio chi li circondava, per accedere in certi luoghi, ma soprattutto per avere una chance nell’essere accettati nella società. La maggior parte dell’attenzione ovviamente si concentrava sui capelli, inizialmente vollero avere capelli lisci, poi con il tempo, mossi perfettamente in ordine in ogni dettaglio diventando sempre di piu’ di somiglianza allo stereotipo Americano.

Alcuni Black Americans decisero di bypassare le barriere razziali facendosi passare per bianchi, questo era possibile se avevano pelle chiara e capelli lisci o mossi, in assenza di ricci. Grazie alle mescolanze che vi erano state durante la schiavitù  molti membri della società Africana-Americana avevano caratteristiche Europee, facilitando questo fenomeno chiamato “passing” ovvero, il passaggio in società da una considerazione nera ad una identità sociale bianca. Si stima che in quel anno dai 10 mila ai 30 mila decisero di adattarsi a questo tenore di vita, anche se alcuni studiosi ipotizzano un numero molto più elevato.

Per i neri che decisero di NON effettuare il passaggio per volontà propria o perché le loro caratteristiche fisiche non lo permettevano c’era un lavoro molto più arduo ed intenso da fare, ovvero rompere gli stereotipi nella società e dare una nuova immagine, un alternativa che rimpiazzasse quella esistente, ecco il New Negro.

Il New Negro rappresentava due elementi fondamentali: esprimeva l’orgoglio nero, ma soprattutto faceva da contrattacco a quel immagine negativi costruita negli anni. Questa nuova immagine avrebbe dovuto dare loro accesso sia nel campo economico, che in quello politico in cui l’America razzista non li considerava. Per alcuni versi il New Negro veniva vista come una tattica di sopravvivenza, posta a ripulire un’immagine sporcata ma soprattutto utilizzata per infiltrarsi in quei territori e luoghi comuni interdetti  ai neri per più di 300 anni.

In tutti questi anni i capelli sono sempre stati sottoposti alla creatività delle persone ma anche ad esperimenti per lisciare e rendere gestibile quei capelli Afro, diventando cosi’ l’elemento chiave di questa nuova figura in fase di costruzione. Anche se gli uomini furono sempre disegnati come protagonisti delle rivoluzioni, fu la donna New Negro ad esserne la reale artefice. L’autore di “A new Negro for a New Century” riconobbe nella donna colei che forse subi’ maggiormente gli effetti della schiavitu’ e vide la sua dignita’ schiacchiata attraverso stupri ed abusi, in questa nuova fase di ricollocazione provo’ al mondo che una donna acculturata e trattata dignitosamente poteva brillare a tal punto da sorpassare le “razze” definite fin ora l’Elite. Ahime’ l’idea di capelli sul capo di queste donne era completamente Eurocentrico, con una grossa chioma prorompente , per le donne che non riuscivano a rientrare nei canoni, corsero in soccorso parrucche, toupet e creme liscianti.

the New Negro Women

Abbigliamento e capelli iniziarono a seguire l’Eurocentrismo

Anche gli uomini cominciarono a dedicare sempre piu’ tempo al loro aspetto fisico soprattutto ai loro capelli impastandoli, lisciandoli con pomate e creme tossiche, nuovi tagli europeizzati. Alcuni tagli molto semplici non richiedevano grossa manutenzione, altri richiedevano necessariamente lo stiraggio per alterare la struttura del capello per rendere possibile lo styling. Inventarono il “sapone freddo” che permetteva di avere delle micro onde in testa, si ottenevano lavando i capelli con questo sapone che non veniva risciacquato, e ricoperto con un “do-rags” (un panno che veniva legato alla testa per creare pressione e creare queste microonde con i capelli), un altro metodo utilizzato con stiraggio dei capelli maschili attraverso l’applicazione di grosse quantita’ di grasso (grease) ed acqua la sera, ricoperto con un do-rag da tenere tutta la notte.

Seelbinder - Famous New Negro Beinecke Library Yale

Esponenti maschi del movimento “the New Negro” con capelli lisciati ed acconciati con gli sporting waves

di Evelyne Sarah Afaawua

Fonte: Afro Hair Story

Evelyne Sarah Afaawua

Imprenditrice, Web Influencer & Hair Coach. Sono ossessionata dai miei capelli. Facebook dipendente da gennaio 2014. Fondatrice di Nappytalia, la prima community in italiano sulla cura del riccio-afro, attualmente una start up di import e rivendita di prodotti naturali per i nostri capelli.

Evelyne Sarah Afaawua Google Plus

Lascia un commento