Ritornare O Diventare NATURAL?

Ritornare O Diventare NATURAL?

Questa domanda ha molteplici risposte per niente scontate. Ogni risposta è colma di significato proprio, che non deve assolutamente essere sminuito più di un altro. A mio parere e dai forum che seguo, sento parlare maggiormente di un RITORNO al NATURALE.

RITORNARE, ebbene sì perchè quando siamo nate i nostri capelli erano Afro al Naturale, poi dopo i 3/4 anni per la maggior parte di noi e forse un momento molto atteso come una sorta di iniziazione all’età adulta, le nostre mamme hanno iniziato a torturarci con le creme e stirature chimiche, per stirare e rendere più semplice la gestione dei nostri capelli ribelli. Questo desiderio di ritornare ai capelli Afro al naturale può nascere come un colpo di testa, dopo una lunga riflessione, un’influenza amica oppure una moda o tendenza positiva.

Le mie Nappy sisters hanno definito il loro RITORNO AI LORO AFRO AL NATURALE, come un ritorno alle origini, un apprezzamento di se stesse, di cura e di amore per se stesse, la voglia di sfoggiare i propri capelli e non quelli rimediati da qualche parrucca o extension. Per me ritornare natural è stato un ricongiungimento con le mie origini (Ghana) ed un’accettazione di me stessa, ma soprattutto delle mie sfumature. E’ stato un’accettare i miei lineamenti, il colore della mia pelle e la struttura dei miei capelli. Accettare il fatto di essere anche Africana oltre a sentirmi ed essere Italiana.

L’accettazione di noi stesse crea un enorme consapevolezza della nostra persona e del nostro potenziale.Accettarci ci permette di riconoscere la bellezza innata che abbiamo intrinseca in noi che và al di là dell’aspetto estetico, ma ci fa vedere tante belle sfumature che spesso rinneghiamo. La particolarità di questa accettazione comprende una routine giornaliera molto impegnativa nel volersi prendere cura di noi, dei nostri capelli; ma che ci importa se passiamo 20 min in più al giorno per i nostri capelli? Penso che non ci sia niente di più bello che prendersi cura di se stessi e sfoggiare i propri capelli al naturale. Per poi non parlare del risparmio economico, della fine di bruciature chimiche che nuocciono alla nostra cute e salute nel tempo. Ogni giorno celebro il mio ritorno al naturale guardandomi allo specchio e vedendo me stessa impressa di fronte a me, senza cercare di assomigliare a nessun stereotipo inculcato nella mia testa, chissà forse da generazioni passate.

di Evelyne Sarah Afaawua

Anche per voi  così?! esprimetevi ragazze!!!

Foto: me a pochi mesi/dopo il mio big chop

Evelyne Sarah Afaawua

Imprenditrice, Web Influencer & Hair Coach. Sono ossessionata dai miei capelli. Facebook dipendente da gennaio 2014. Fondatrice di Nappytalia, la prima community in italiano sulla cura del riccio-afro, attualmente una start up di import e rivendita di prodotti naturali per i nostri capelli.

Evelyne Sarah Afaawua Google Plus

6 Commenti

  1. grace
    3 settembre 2014

    che piccina…troppo bella la Evelyne bambina 🙂 quanto avevi qui?

    • admin
      3 settembre 2014

      Hihihi pochi mesi ma ero un bombolone!!! ahahah 8 mesi non più di un anno perchè è stata scatta in Francia, ad un anno già ero in Italia.

  2. Aida
    3 settembre 2014

    Sono completamente d’accordo!!!!!
    Noi siamo NATE natural!! “Niente trucchi e niente inganni” :), semplicemente le vere noi.
    Questo non é altro che un ritorno alle origini (che si spera definitivo) ;)!

    • Afro-Italian Nappy Girls
      3 settembre 2014

      Esattamente Nate! Poi non si sa per quale motivo, leccate di mucca le chiamo ormai io 🙂 ahahahahahh W le ragazze natural!!!

  3. Najat
    19 settembre 2014

    solo accettando i nostri capelli saremo complete e ci rispetteremo

    • admin
      19 settembre 2014

      Esattamente l’accettazione parte principalmente da noi stesse/i, dentro di noi e si riflette al di fuori, ma prima dobbiamo consapevoli di chi siamo e come siamo e farsi che cio’ rispecchi al di fuori 😉
      Se noi non ci accettiamo per come siamo e cerchiamo di copiare gli altri, chi dovrebbe rispettarci?

Lascia un commento