MoneyGram Award 2015

MoneyGram Award 2015

MoneyGram Award 2015

…and the winner is NAPPYTALIA!

Facciamo qualche passo indietro…dopo un NO ricevuto, ero caduta nello sconforto piu’ totale, ovviamente i miei momenti di “down” li vivo in solitaria, ma a volte alcune amiche lo percepiscono e cercano di tirarmi su il morale, e’ qui che entra in gioco lei, Nappy & Soul Sister Ruth MacCharty di African Fashion Wear ( vi invito a visitare il suo favoloso blog 🙂 ) che mi consiglia di iscrivermi a questo concorso di MoneyGram per l’imprenditoria straniera in Italia, pensavo di non avere molte speranze, ma avevo bisogno di una nuova sfida che mi stimolasse, che riportasse a galla la mia DETERMINAZIONE.

Scarico i modulo da compilare ed in 3/4 giorni li compilo e mando via mail,  mi dico “sognare non costa nulla, e’ gratis”.

I primi incovenienti: all’invio della documentazione richiesta, non ricevo nessuna mail di conferma, non sollecito per paura di essere pressante, fino al venerdi’ precedente alla deadline, dove Cristina mi chiede se Moneygram ha risposto, le dico di no, quindi non ci rimane che chiamare per verificare l’avvenuta ricezione della nostra candidatura. Chiedo se la documentazione Nappytalia e’ arrivata correttamente e mi dicono di no. Rimango impietrita. Chiedo se siamo ancora in tempo, e la signora mi rassicura di avere tempo fino a mezzogiorno di lunedi’, ritiro fuori tutta la documentazione che avevo impacchettato e rimando tutto al momento ad una mail diretta alla persona con cui ho parlato al telefono chiedendo ASSOLUTAMENTE una mail di ricevuta ricezione al momento.

Cristina ed Io

Ri-invio e questa volta arriva la mail di avvenuta ricezione.Rimaniamo in attesa. Passano due settimane e ricevo una telefonata sospetta, un’ operatrice, mi fa alcune domande per avere maggiormente chiaro il concetto di Nappytalia e di cosa ci occupiamo precisamente. Dopo un paio di giorni mi avvisano che Nappytalia e’ nella shortlist dei 20, ma che solo 15 saranno portati come finalisti. Fiato sospeso. Cominciamo ( Io, Cristina e Shilo ) a PREGARE IN TUTTE LE LINGUE DEL MONDO!!!

Il 10 giugno era il giorno del esito positivo o negativo che fosse, alle 18 ancora nessuna chiamata, alle 19 ormai le speranze erano gia’ belle che perse, invece… Drin, drin, drin.

io: “Pronto?”

Dall’altra parte: “Siete tra gli ultimi 15 finalisti!!!”

Ero al lavoro ed ho iniziato a fare salti alti un metro e mezzo, mi ripetevo “si si si alla facciazza dei NO”, chiamo Shilo e Cristina vi lascio immaginare lo starnazzare di tre oche giulive che gioiscono insieme di questo piccolo traguardo che ci vede gia’ felicemente orgogliose anche se fosse finito li’. Quello che sapevamo era che i MoneyGram Awards 2015 ci stavano aspettando, tutto il resto non contava.

Grazie a MoneyGram, io e Cristina, abbiamo viaggiato in Executive Business Class FrecciaRossa Milano/Roma ( potevo morire in pace 😉 ), abbiamo alloggiato presso l’Hotel Plaza adiacente a via Condotti, un Hotel 5 stelle non so’ se rendo l’idea ( wooooo ) e ci aspettava un’elegantissima e raffinata cena di gala a Villa Miani ( quando se magna io son sempre presente!:) 🙂 🙂

In viaggio verso Roma sempre al lavoro!!! Nappytalia non si ferma mai!

La sera dell’arrivo a Roma, abbiamo raggiunta l’incantevole Villa Miani, luogo della Cena di Gala, dove siamo state accolte con un aperitivo incorniciato in questa vista di Roma dall’alto mozzafiato, con tanto di drone che ogni 2 per tre sorvolava sulle nostre teste. C’e’ stato un breve momento “foto & selfie” dove hanno immortalato tutte e 15 i finalisti ed abbiamo avuto modo di conoscerci e scambiare 2 parole tra di noi…

11846522_722559777849311_5358785036185122237_n

Vista Mozzafiato di Roma

Non potro’ nominare tutti i 15 finalisti ma vi menzionero’ i due che piu’ mi hanno incuriosito;

le ragazze di Pati Jo’ che hanno aperto il primo negozio di Bra Fitting in Italia – vi starete chiedendo che diavolo sia? effettivamente l’ho fatto anch’io appena ho sentito pronunciare quella pseudoparolaccia, quindi ve lo spiego per risparmiarvi lo scervellamento – si tratta di una tecnica che permette di realizzare lingerie su misura, adattandola alle forme e alle proporzioni del corpo delle clienti, un’idea geniale ed innovativa per l’Italia motivo per cui ha vinto il premio per l’Innovazione.

il riservato Damian originario dello SriLanka, una seconda G un po’ avanzata, vista la sua eta’, ma con un’ottima visione della cucina italiana Made in Italy ed Esportata all’estero, e’ l’ideatore di Soho Restaurant & Fish Work , catena di un brand che riesce a combinare cultura e cibo italiano esportandolo nel mondo. Poco dopo l’inaugurazione di ben 4 ristoranti ( Genova, Milano, Caserta e Praga ) il marchio è divenuto in breve tempo un’importante catena in Italia ed all’estero.

Piccolo dettaglio per la Cena ho rivelato per una serata il mio lato di donna che poco lascio intravedere; avevo un vestito blu elettrico lungo senza spalline che mi ha fatto sentire una principessa ( senza principe ) per una sera. Un’esperienza unica che auguro a qualsiasi ragazza.

La principessa Nappy

La principessa Nappy, prima della Cena di gala

11403357_703788493059773_5249903286680151933_n

Briandiamo all’indomani ignare di cio’ che sara’ ma felici di essere arrivate fino a qui!

Rientriamo in albergo con coprifuoco a mezzanotte, come Cenerentola << ma poco ci importa a noi, perche’ non  abbiamo aspettative di vincita mi son detta >>.

Il luogo della premiazione, l’Ara Pacis, era a pochi metri dal nostro albergo quindi l’indomani lo raggiungiamo a piedi. La cerimonia e’ stata molto breve e concisa e per questo l’ho adorata, non solo perche’ abbiamo portato a casa la medaglia eh?!, ma soprattutto perche’ amo le cose semplici ma spumeggianti, cosi’ e’ stata la premiazione semplice ma frizzante, senza momenti morti, ma tante risate grazie all’intrattenimento dei due presentatori.

Tre categorie sono state premiate prima della mia, arrivato il nostro turno ero tranquilla, in alto mare, con la testa altrove, ero gia’ appagata e se non fosse andata ci avrei riprovato ancora. Detto onestamente pensavo che una giovane nappy con un’attivita’ avviata da meno di 6 mesi non potesse competere e neanche minimamente tenere testa ad un ex diplomatico con un ristorante Colombiano in pieno centro a Roma ed un proprietario di albergo di fianco al Plaza, insomma dei giganti in confronto a me, ero realista ed aspettavo di congratularmi con chi dei due l’avesse spuntata, invece!?

Il presentatore fa una sintesi della categoria che si sta andando a premiare, vediamo i video di presentazione dei 3 finalisti, chiama la figura che consegnera’ il premio e poi…la fatidica frase…

Per i MoneyGram Award 2015, il vincitore per la categoria Imprenditoria Giovanile e’ EVELYNE SARAH AFAAWUA!

Siamo Noi, Siamo Noi…la medaglia la portiamo a casa noi!!!

Devo ammettere che ci sono stati ben 10 secondi di blackout nel mio cervello, pensavo di essermelo detta da sola, invece tutti erano rivolti a me, quindi ho capito che non era la mia voce interna, ma avevano fatto il mio nome e sono salita sul palco con una lacrime nell’occhio. Ero felicissima, non riuscivo a crederci, da Facebook a vincere una riconoscimento del genere, aalla faccia del “faccialibro”, chi mi ha premiato ha fatto qualche commento scherzoso sul come appendermi la medaglia al collo vista la mia folta chioma :p Ho ringraziato tutte le nappies che hanno iniziato e seguito la pagina sin dall’inizio anche quando eravamo in poche e chi continua a credere in questo progetto e contribuisce quotidianamente in ogni modo per darci spazio e maggiore ossigeno per non far morire da un giorno all’altro questo progetto.

“Dopo aver ricevuto questo premio ho capito che la mia vittoria, quella di Nappytalia non stava nei numeri scritti nei libri contabili ma nel valore aggiunto che un portale sta portando avanti, di un contributo sociale inestimabile per la riappropriazione della propria identita’ attraverso un tema cosi’ leggero e banale che permette a chiunque di poter dire la sua senza appesantire troppo il discorso, della determinazione del sogno di creare un ponte tra due culture Italia e Ghana, e della tenacia di una piccola Nappy che ci crede e vede il sole nascosto dietro ogni nubi, Nappytalia ha vinto per la sua originalita’, semplicita’ ed autenticita’, nulla di piu’ o meno e ringrazio fortemente chi ha intravisto cio’ in me, noi e Nappytalia. Ora e’ tempo di evolverci e rendere Nappytalia una realta’ economica concreta in Italia ed in Ghana”.

Mi sono seduta sul palco ed abbiamo concluso con le ultime premiazioni, alcune interviste, foto con la medaglia e targhetta…e via al rinfresco a brindare per un’altra tappa raggiunta!

Il team Nappytalia e’ fantastico!

Lunga vita Nappytalia, avanti tutta!

di Evelyne Sarah Afaawua

No votes yet.
Please wait...

Comments

comments

Evelyne Sarah Afaawua

Imprenditrice, Web Influencer & Hair Coach. Sono ossessionata dai miei capelli. Facebook dipendente da gennaio 2014. Fondatrice di Nappytalia, la prima community in italiano sulla cura del riccio-afro, attualmente una start up di import e rivendita di prodotti naturali per i nostri capelli.

Evelyne Sarah Afaawua Google Plus

Leave a comment

Shares