La struttura del capello

Dopo aver descritto la cute, ora ci dedichiamo alla chioma, non nel suo insieme; ma solo guardando ogni singolo componente di essa. Ciò che vediamo tutti i giorni e’ il FUSTO, composto principalmente di cheratina, lipidi (grassi), acqua ed altre materie che tengono uniti tutte queste componenti. La struttura proteica è ciò che determina la struttura del nostro capello, quindi che lo rende più o meno riccio, mosso, afro, crespo ecc. contribuendo anche alla capacità di assorbire acqua e prodotti che applichiamo sulla nostra chioma, alla forza e qualità dei nostri capelli. I nostri capelli ed unghie sono composti da proteine resistenti denominata in generale come cheratina, estremamente ricca in zolfo, l’unica differenza tra capelli ed unghie e’ che le unghie vista la maggiore presenza di cisteina sono più dure e robuste dei capelli.

STRUTTURA DEL CAPELLO

Il fusto e’ composto da 3 parti: midollo, corteccia e cuticola.

Il midollo e’ la parte più interna del singolo capello, ricerche scientifiche confermano la presenza di questa parte solo nei capelli grassi e completamente assente in quelli fini; la sua assenza o presenza non determina nessun allarmismo in quanto non si e’ ancora scoperta la sua funzione.

La corteccia in assenza del midollo diventa la parte più interna del capello, e ne compone l’80 /90%. La corteccia e’ composta da catene di proteine ( cheratina ) che intrecciate tra di loro danno vita al capello come sostanza ed elemento. Questa parte viene protetta esteriormente dalla cuticola, ciò che vediamo ad occhio nudo tutti i giorni.

La cuticola non ha colore riflette semplicemente il colore della corteccia, essa e’ formata da 5-11 guaine, un po’ come le tegole di un tetto, dando possibilità al capello di nutrirsi ed idratarsi, il numero di guaine diminuisce dalla radice alle punte del capello.Le creme liscianti, le tinte e shampoo aggressivi rovinano la cuticola, anche l’uso di pettini e spazzole in maniera poco delicata, rovinano la parte più esterna del capello.

Vi siete mai chiesti come mai i nostri capelli sono afro, ricci e mossi? Oggi ho scoperto il perché!!! Grazie ai legami!!! Vi starete chiedendo cosa siano questi legami…sono i legami chimici. Ci sono tre tipi di legami: legami ad idrogeno, ponti salini e ponti disolfuro.

I  ponti salini e i legami a idrogeno sono i più numerosi, ma sono anche quelli più deboli e si spezzano facilmente in presenza di calore , umidità ed acqua. L’efficacia dei ferri per la messa in piega è dovuta proprio alla presenza di legami salini ed idrogenati. I ponti disolfuro , invece, sono presenti in numero minore, ma sono molto più resistenti. L’unico modo per rompere questi legami è attraverso reazioni chimiche indotte con prodotti come le creme liscianti, lye o no-lye realxers, scatenano delle reazioni irreversibili, una volta stirati i capelli Afro, non possono ritornare Afro.

CICLO E FASI DI CRESCITA DI UN CAPELLO

Ogni capello cresce autonomamente dal proprio bulbo, in media 64 mm a 130 mm al mese, tenendo presente che almeno 4 mm sono immersi nel cuoio capelluto. Vi ricordo ragazze che non c’è una scienza esatta che determina con che velocità devono crescere i capelli, l’unica cosa che possiamo fare per agevolare la crescita è mangiare sano, svolgere una regolare attività fisica, bere molta acqua almeno 2 litri ed idratare quotidianamente i nostri capelli.

Ogni capello attraversa 3 fasi: 1. crescita (Anagen), 2. riposo (Catagen) e 3. caduta (Telogen). L’anagen dura all’incirca dai 3 ai 7 anni con una crescita mensile di 1 cm di lunghezza, ovviamente più invecchiamo più rallenta la velocità con cui crescono i capelli. Durante il catagen il follicolo è in una fase di riposo momentaneo che dura all’incirca dalle 2 alle 3 settimane, mentre il telogen è alla fine.

Ci sono fattori che influenzano la crescita dei nostri capelli involontariamente, e saperne l’esistenza è fondamentale.

1.Ormone: è uno dei principali fattori che influenzano la crescita dei nostri capelli. Gli ormoni sono capaci di aumentare o diminuire la frequenza di crescita dei nostri capelli. Un esempio è nel periodo di gravidanza di una donna dove lo scombussolamento ormonale è molto alto. La fase iniziale della gravidanza coincide con un aumento di ormoni che porta i capelli a rimanere nella fase di anagen e catagen risultando in una crescita smisurata e minima caduta. Una volta nato il bimbo nei seguenti 3/6 mesi la quantità di ormoni si riduce drasticamente, mandando i capelli nella fase di telogen (caduta).

2.Stress, farmaci ed alimentazione .

I CAPELLI SONO ATTACCATI AL NOSTRO CORPO, QUINDI CIO’ CHE CI SUCCEDE DENTRO SI RIPERCUOTE SU DI LORO.

Di Evelyne Sarah Afaawua.

Fonte: ” The Science of Black Hair”

Foto: Google

Evelyne Sarah Afaawua

Imprenditrice, Web Influencer & Hair Coach. Sono ossessionata dai miei capelli. Facebook dipendente da gennaio 2014. Fondatrice di Nappytalia, la prima community in italiano sulla cura del riccio-afro, attualmente una start up di import e rivendita di prodotti naturali per i nostri capelli.

Evelyne Sarah Afaawua Google Plus

Lascia un commento