La cornice del mio viso di Blacky Grace

La cornice del mio viso di Blacky Grace

La cornice del mio viso di Blacky Grace

Mi chiamo Grace ed ho origini beninesi, ma ormai vivo in Italia da parecchi anni, quindi mi sento abbastanza inglobata all’interno di questa cultura, al punto tale che quando mi capita di conoscere nuove persone e di intrattenere una conversazione con loro, le domande più frequenti sono:

Ma sei nata in Italia? Perché dal tuo accento non si direbbe che sei africana.

Ma ti senti più africana o italiana?

Io vorrei sempre rispondere a tutti che mi sento semplicemente appartenente al pianeta Terra, cittadina del mondo, ma che nel mio cuore l’Africa sarà sempre al primo posto, perché io sono nata là, il ritmo e l’essenza che sento scorrere dentro di me provengono senza dubbio dalla mia dolce Mama Africa. Nonostante questo sono infinitamente grata per tutto quello che la vita ed il destino mi hanno regalato, non sminuisco mai la grande opportunità che mi è stata data di conoscere e sperimentare la diversità, attraverso il contatto con una cultura diversa da quella del Benin.

Ritornando a parlare di ritmo, vi devo confessare che il mio cuore batte da sempre per la musica sin dai primi anni della mia vita in Africa, al tempo ero solo una bimba, ma amavo già cantare, provavo spesso ad interpretare le canzoni delle mie artiste preferite, comprendendo che la musica è arte e questa era la passione che avrei coltivato da grande. Ad oggi posso dire di non inseguire più il mio sogno, ma di viverlo giorno per giorno nella realtà, per me la Musica è diventata palpabile sotto le vesti di Blacky Grace.

La cornice del mio viso di Gracy Black

Blacky Grace & Lion D performing “I need your love”

Ho avuto la fortuna di incontrare delle grandi persone con le quali collaboro da più di cinque anni, siamo un collettivo riuniti sotto l’etichetta indipendente Bizzarri Records. Attraverso loro ho compreso il mio potenziale, sono migliorata nella tecnica ma anche nello spirito, coltivando appassionatamente il canto, entrando sempre di più nel mondo che amo. In questi anni ho avuto l’opportunità di fare da corista per tantissimi cantanti italiani e stranieri e la canzone a cui sono più legata è intitolata “I need your love” duettata con l’artista reggae italo-nigeriano Lion D, con il quale è nata da subito una grande intesa.

Dal mio nome d’arte “Blacky Grace” penso possa trapelare il mio stretto legame con la mia Africa. Penso sia doveroso conoscersi a fondo, cercando di capire chi siamo e ciò di cui abbiamo bisogno, trovare la giusta armonia tra il nostro spirito, mente e corpo. Sulla base di questa riflessione ho capito che i miei capelli come ogni altra parte del mio corpo, vada rispettata ed amata profondamente per quello che è. A mio modesto parere noi donne nere dovremmo capire che i nostri capelli rappresentano la nostra femminilità, la nostra sensualità, una bellezza che sfocia in arte per la sua particolarità. Come un dipinto viene incorniciato per evidenziare maggiormente l’opera, i nostri capelli fungono da cornice per il nostro viso, affinché i nostri tratti facciali vengano evidenziati enunciando la vera opera d’arte che ci contraddistingue.

Negli ultimi anni il rapporto con i miei capelli è cambiato radicalmente, posso dire di essermi resa conto dell’importanza di curarli. Se prima li ignoravo totalmente, ripiegandomi su una stiratura e via, oggi sto molto più attenta ed uso soprattutto prodotti naturali. Maturando, questo interesse verso i miei capelli è aumentato sempre di più perché ho capito di essere cambiata più dentro che fuori, aprendo gli occhi, diventando giorno dopo giorno sempre più consapevole della mia persona, avendo sempre più chiari “in testa” i miei bisogni e le mie necessità, giungendo alla conclusione che per sentirmi completa avrei dovuto abbracciare me stessa al 100%, rivelando la mia natura.

La cornice del mio viso di Blacky Grace

…i nostri capelli fungono da cornice per il nostro viso…

Lo stiraggio chimico, possiamo quasi dire che ormai faccia parte della nostra cultura, sin da piccole le nostre mamme ci sottopongono a questo rituale, quasi di passaggio dall’infanzia all’adolescenza. Ricordo che quando ero piccola mi dicevano che fosse necessario farlo per poter ammorbidire i capelli prima di fare le treccine, mi hanno fatto credere che non sarei mai riuscita a fare determinate acconciature, senza stirare i capelli. Della cultura Afro amo le treccine, che sono un “must” per le donne africane, con il loro effetto estetico impeccabile, ma anche nella loro utilità di protezione dal freddo, soprattutto in questo periodo dell’anno.

Com’è stato il mio nuovo inizio? Semplice. Ho iniziato provandoci, lanciandomi una sfida personale, non ero molto convinta delle spiegazioni che ricevevo, ma avevo deciso che era il momento di voltare pagina, provare qualcosa di diverso, di testare la verità. Per troppi anni avevo fatto uso di quella crema che evidentemente non permetteva ai miei capelli di crescere, era giunto il momento di togliere quei nodi e credenze che mi erano state inculcate, scoprendo la vera natura dei miei capelli. Non è stata una decisione facile da prendere, ma in cuor mio sentivo un gran bisogno di tutto questo, è stata una rinascita, un ricominciare da zero, un reset di vita eliminando tutte le mie paure ed insicurezze che la vita mi aveva cucito addosso fino a quel momento e dando finalmente uno sguardo al futuro con occhi diversi, rispettando me stessa in primis. Ero così felice…i cambiamenti li ho visti subito, prima di tutto la rapidità con cui crescevano i miei capelli, superando mese dopo mese le lunghezze che erano sempre state il mio limite massimo, finalmente avevo dei capelli sani e forti. Ho realizzato che la mia intera vita era stata costruita sulla menzogna che fosse obbligatorio stirarsi i capelli per facilitarne la gestione. Essendo crespi è normale che bisogna utilizzare determinate condizioni per pettinarli, per esempio non pettinarli da secchi ma da umidi.

La cornice del mio viso di Blacky Grace

La cornice del mio viso di Blacky Grace

L’assenza di consapevolezza e di informazione, mi ha immesso su questa strada, ma ora che so’ come curarli e dell’esistenza di prodotti creati apposta per i nostri capelli Afro al naturale, ho riscoperto una nuova me, sono orgogliosa e fiera della decisione presa forse inizialmente un po’ titubante ma che ad oggi rifarei 1000 volte senza neanche pensarci. Dopo la mia esperienza mi sento in dovere di consigliare a tutte le “black girls/women” di fare un tentativo fate sempre in tempo a tornare indietro se proprio ci tenete tanto, ma ricordatevi che i nostri capelli sono speciali ed importanti altrettanto quanto lo siamo noi e le nostre radici.

Io ho deciso di amare me stessa, così da non avere più bisogno di cambiare la mia natura per piacere agli altri. Nessun stiraggio ai capelli, nessun sbiancamento alla pelle, penso che questi prodotti oltre ad essere estremamente dannosi per la salute, minano inconsciamente anche da un punto vista psicologico ed etico, calpestando la dignità e l’autostima delle nostre donne, riempendole di insicurezze e di complessi di inferiorità, aspetti che sono noti da tempi molto lontani. Non dobbiamo vergognarci ma essere fiere ed orgogliose come delle leonesse, ricordatevi che le cose piu’ semplici hanno un enorme valore.

SO BE PROUD TO BE BLACK!

BE PROUD OF YOUR ROOTS!

ESPERCIALLY BE PROUD TO BE YOURSELF!

di Blacky Grace

Le immagini e il contenuto in questo post, se non diversamente specificato, sono coperti da copyright © 2014 Nappytalia, è vietata la riproduzione, distribuzione e l’uso improprio senza autorizzazione scritta dell’autore. I commenti al blog potrebbero essere moderati e potrebbero non apparire prima della moderazione, mi riservo di cestinare commenti particolarmente offensivi. Le critiche sono bene accette solo se rispettose, questo è un blog di pura informazione sulla cura e gestione dei capelli Afro, consigli, tutorial, senso di community ed appartenenza ed è mia intenzione mantenere uno spirito positivo. Non è ammesso spam e uso di stampatello  nei commenti. 
Rating: 5.0. From 1 vote.
Please wait...

Comments

comments

Evelyne Sarah Afaawua

Imprenditrice, Web Influencer & Hair Coach. Sono ossessionata dai miei capelli. Facebook dipendente da gennaio 2014. Fondatrice di Nappytalia, la prima community in italiano sulla cura del riccio-afro, attualmente una start up di import e rivendita di prodotti naturali per i nostri capelli.

Evelyne Sarah Afaawua Google Plus

Leave a comment

Shares